Che energia Jovanotti!

23 Aprile 2011 7 commenti

P1120066
Avevo comperato i biglietti già a dicembre, e quasi mi ero dimenticata dove l’avevo messo, ma puntuale, mercoledì 20 aprile, sono arrivata alla Zoppas Arena per vedere questa massa di energia incontenibile. Lorenzo ha cantato, ballato, parlato con il pubblico per ben 2 ore e mezza, senza mai fermarsi un minuto, riempendo il palazzetto di energia positiva e voglia di divertirsi. Le sue parole più belle sono state cantate da tutto il pubblico, le sue canzoni più scatenate sono state ballate da una massa umana che ha scordato tempo e spazio. Devo dire che mi ha proprio sorpreso, visto che ormai gli anni che passano per me, passano anche per lui, mi sto chiedendo come farà a sostenere un tour a questi livelli di movimento… io non ce la farei :-)
Io ero sfinita a fine serata, e lui sembrava fresco come una rosa. Però mi ha lasciato dentro una bella energia positiva, che spero mi resti dentro ogni giorno, perchè è proprio vero che la vita è bella!
Grande Jovanotti, per fortuna che ci sei.

Ma che bella notizia! :-)

22 Febbraio 2011 10 commenti

2390

I SEMI DI CACAO CONTENGONO PIU’ ANTIOSSIDANTI DELLA FRUTTA

“I ricercatori dell’Hershey Center for Health & Nutrition hanno confrontato l’attività antiossidante della polvere di cacao con quella di alcuni frutti in polvere e hanno scoperto che nella polvere di cacao ci sono più polifenoli (antiossidanti) e un maggior quantitativo di flavanoli, composti cimici naturali utili al buon funzionamento del fegato e del sistema immunitario e contribuiscono a prevenire le patologie cardiovascolari, infiammatorie e persino alcune forme tumorali.
Nell’articolo pubblicato Chemistry Central Journal il team ha messo a confronto anche il quantitativo di antiossidanti del cioccolato fondente, del cacao, del cioccolato caldo e dei succhi di frutta. Il cioccolato fondente e il cacao possiedono il massimo livello di capacità antiossidante e hanno un contenuto di preziose sostanze salutari più elevato dei succhi di frutta, mentre il cioccolato caldo figura all’ultimo posto della classifica, probabilmente a causa del processo di lavorazione.”
E così, non solo posso usare la cioccolata come antidepressivo, ma anche usarla per mantenermi giovane e bella! :-)
Era proprio la notizia che ci voleva!

Categorie:Argomenti vari Tag:

Ma… tante cose sono proprio cambiate

28 Gennaio 2011 7 commenti

Piazza-Duomo-Milano-2 (1)
Tornare qui… non è così facile come credevo.
Forse la nuova veste grafica del Blog, le cose semplici sono sempre state le mie preferite, ed ora, di semplice, qui non ci trovo molto; forse la difficoltà a postare le cose come voglio, forse la difficoltà ad aggiungere i video.
Forse il fatto che prima era un mondo diverso.
La mia piazza: passavo di qua come si passa in piazza al paese. Mi incontravo con gli amici, ed assieme a loro si scambiavano pareri ed opinioni; scrivevamo, ognuno di sé, e se avevamo paura, trovavamo sempre qualcuno che ci faceva sentire meno soli; scambiavamo sorrisi e non evitavamo i pianti di chi chiedeva aiuto…
MI manca un po’ quella piazza. mi manca un po’ quel mondo.
Non vorrei sbagliare, ma mi sembra che ora, qui, ci siano solo mondi personali, con poca voglia di scambiare emozioni e condividerle.
Dove sono tutti gli amici, dove è la mia piazza?
Piazza-Duomo-Milano-2

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

I giochini di facebook

24 Gennaio 2011 3 commenti

Ma qualcuno di voi ha idea di come ci si rovina la vita a stare dietro a tutti i giochini di facebook? Io avevo cominciato con Farmville, poi è arrivata Farmtown, Farm Life, Youtopia, Fishville, Restaurant City, Paradise Island, Happy acquarium, Petville, Pet Society, Countrylife, Treasure Island… le altre non me le ricordo nemmeno. Ore ed ore perse a coltivare, annaffiare, raccogliere, piantare, mungere, dare da mangiare a mucche, pesci, piccoli animaletti che fanno i loro bisogni in giro per la casa se non li accudisci… Centinaia di migliaia di persone impazzite a mandare regali, chiedere regali, acquistare oggetti, cibo, mobili, vestiti, specchi, piscine, ristoranti, alberi…
Ore ed ore perse sul pc…
Tanto che è arrivato anche lo Psichiatra di Farmville! :-)
Aiutooooooo… io mi sto disintossicando, scappate fin che siete in tempo! :-)
Farmville_1

Categorie:Argomenti vari Tag:

Le cose belle

20 Gennaio 2011 2 commenti

Oggi stavo pensando a cosa muove il mio scrivere.
Riflettevo sul fatto che non mi viene spontaneo scrivere di me in questo periodo, e ho voluto seguire questo pensiero: certo, mi è sempre venuto più facile scrivere quando stavo male, forse in maniera difensiva quel tipo di stato d’animo si faceva avanti prepotentemente, come fosse un modo per non intaccare quella parte sana che ancora resisteva in me.
Il fatto che in questo periodo mi senta molto bene, e le cose vanno avanti in maniera più che positiva, mi porta a non avere nulla da “gettare” fuori da me…
Però questa cosa non mi piace, vorrei davvero riuscire a dare voce al mio benessere… a tirare fuori le cose belle, a non tenerle solo per me. In fondo non è giusto approfittare degli altri solo per non tenersi dentro le cose negative. Sarebbe più giusto poter dare a tutti gli altri anche la gioia che viene dai momenti pieni di gioia… sarà un proposito per questo 2011 iniziato alla grande! :-)

b101681b-big

Categorie:Argomenti vari Tag:

The Big Kahuna

18 Gennaio 2011 Commenti chiusi

The Big Kahuna

Goditi potere e bellezza della tua gioventù.
Non ci pensare.
Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite. Ma credimi, tra vent’anni, guarderai quelle tue vecchie foto.
E in un modo che non puoi immaginare adesso. Quante possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico avevi! Non eri per niente grasso come ti sembrava.
Non preoccuparti del futuro. Oppure preoccupati ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un’equazione algebrica. I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non ti erano mai passate per la mente, di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio. Fa’ una cosa ogni giorno che sei spaventato: canta!
Non essere crudele col cuore degli altri.
Non tollerare la gente che è crudele col tuo.
Lavati i denti.
Non perdere tempo con l’invidia: a volte sei in testa, a volte resti indietro. La corsa è lunga e, alla fine, è solo con te stesso. Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti. Se ci riesci veramente, dimmi come si fa…
Conserva tutte le vecchie lettere d’amore, butta i vecchi estratti-conto.
Rilassati!
Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita. Le persone più interessanti che conosco a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita. I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno.
Prendi molto calcio.
Sii gentile con le tue ginocchia, quando saranno partite ti mancheranno.
Forse ti sposerai o forse no.
Forse avrai figli o forse no.
Forse divorzierai a quarant’anni.
Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso, ma non rimproverarti neanche: le tue scelte sono scommesse, come quelle di chiunque altro.
Goditi il tuo corpo, usalo in tutti i modi che puoi, senza paura e senza temere quel che pensa la gente. E’ il più grande strumento che potrai mai avere.
Balla! Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.
Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
Non leggere le riviste di bellezza: ti faranno solo sentire orrendo.
Cerca di conoscere i tuoi genitori, non puoi sapere quando se ne andranno per sempre.
Tratta bene i tuoi fratelli, sono il miglior legame con il passato e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro. Renditi conto che gli amici vanno e vengono, ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
Datti da fare per colmare le distanze geografiche e gli stili di vita, perché più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.
Vivi a New York per un po’, ma lasciala prima che ti indurisca.
Vivi anche in California per un po’, ma lasciala prima che ti rammollisca.
Non fare pasticci con i capelli: se no, quando avrai quarant’anni, sembreranno di un ottantacinquenne.
Sii cauto nell’accettare consigli, ma sii paziente con chi li dispensa. I consigli sono una forma di nostalgia.
Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga. Ma accetta il consiglio…per questa volta.

The Big Kahuna

Categorie:Argomenti vari Tag:

Marco Paolini su La7

15 Gennaio 2011 3 commenti

Oggi voglio informarvi di un evento che reputo importante.

Mercoledì 26 gennaio in diretta su La7 dall’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini di Milano, Marco Paolini racconterà la storia dello sterminio dei disabili e dei malati di mente sotto il nazismo.
Il racconto affronta una vicenda inquietante che va conosciuta e non taciuta. Dopo il racconto, sempre in diretta, Gad Lerner svilupperà con il pubblico temi e suggestioni collegate al racconto.
Per questo, oltre a invitarvi a sintonizzarvi quella sera su La7, vi chiedo di fare un passa parola tra più persone che potete, operatori, insegnanti, studenti,gente che fa tutt’altro nella vita. Non per aumentare l’auditel, ma perché sono poche, sempre meno, le occasioni per parlare di argomenti scomodi ma che riguardano tutti e sono veri, quotidiani.
Un abbraccio e grazie per il tam tam, so che rullerà forte e che non smetterà dopo.
miserabili1

Categorie:Argomenti vari Tag:

Il bambino camuffato da adulto

14 Gennaio 2011 Commenti chiusi

Il BAMBINO CAMUFFATO DA ADULTO riesce ad imitare l’adulto quasi in tutto tranne che in una cosa:
nell’indipendenza affettiva.

Può essere competitivo, prevaricante, aggressivo, prepotente, rapinatore ed egoista come un vero adulto, ma non riesce ad essere autonomo, come un vero adulto.

Per cui CHIEDE.
Chiede attenzione, affetto, riguardo, rispetto, amore.
Chiede continuamente.
Anzi, più che chiedere PRETENDE.
E SI LAMENTA.
Si lamenta SEMPRE.
Di tutto.
Principalmente della mancanza di affetto, di cure, di attenzione degli altri nei suoi riguardi.
Specialmente da parte del “genitore” designato.
E spesso ACCUSA.
Accusa di essere trascurato, di essere ingannato, di non essere capito, di non essere assistito, di non essere aiutato, di non essere amato.
Spesso persino UCCIDE FISICAMENTE O MORALMENTE.

(…)

Anche il BAMBINO CAMUFFATO DA GENITORE riesce ad imitare il genitore finché gli viene dato quello che vuole:
l’affetto totale, assoluto ed esclusivo.

Ma come questo gli viene a mancare, allora tutte le sue arie da genitore superiore e protettivo svaniscono come neve al sole, tutte le sue premure e le sue gentilezze, tutto il suo AMORE APPARENTE,
si trasformano in un attimo in un odio feroce, in un’accusa infamante e senza appello,
in un rifiuto totale e definitivo dell’altro.

Come fa un vero bambino.

Che quando il giocattolo o la bambola si rompono o non lo interessano più, li butta via.

da G.C. Giacobbe – Alla Ricerca delle Coccole Perdute.24g5ema

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

La lettura…

10 Gennaio 2011 2 commenti

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L’opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso.” Marcel Proust

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

Forse ora vorresti un abbraccio

8 Gennaio 2011 2 commenti

Ora stai male, lo so, lo intuisco…

E come sempre, ora sei nel tuo mondo, lì in fondo al tunnel dove ti rifugi ogni volta che le cose non vanno come vuoi.

E’ passato un mondo e una vita da quando ti amavo, ma non è passato neanche un minuto dall’ultima volta che ti ho voluto bene. Da lontano, in silenzio, ad aspettare che tu ti accorgessi di me, del bene che ti potevo e ti posso volere.

Ma quel silenzio ora ha un altro significato. Come faccio a volerti bene se ancora mi metti in secondo piano, se ancora pensi che posso aspettare giorni una risposta ad un sms, o mesi la risposta alla domanda che ti ho fatto su che tipo di amica ti aspetti che io possa essere?

Forse la risposta sta proprio qui: posso essere l’amica che manda un sms a Natale, Capodanno e al compleanno, e nulla più.

Forse è questo che mi vuoi dire quando mi rispondi a monosillabi?

Io le parole le ho usate e le uso ancora, con te… ma se non sortiscono nulla, mi chiedo che senso possono avere ancora…

echo '';